PARQUET CON RISCALDAMENTO A PAVIMENTO ?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

PARQUET CON RISCALDAMENTO A PAVIMENTO ?

Messaggio  Admin il Mer Mar 07, 2012 11:31 am

Arrow PARQUET CON RISCALDAMENTO A PAVIMENTO ? bounce

Il parquet può essere posato su pavimenti riscaldati tenendo conto che:

a) Si escludano essenze "instabili" come faggio, olivo e si prediligano invece quelle più "stabili" come rovere, merbau, doussiè, iroko, teak e jatoba;

b) Se si vuole posare un parquet "grezzo" (tradizionale) non superi i 10mm di spessore, nessun problema invece se il parquet è prefinito. Questo perchè la struttura multistrato di un prefinito meglio compensa con movimenti orizzontali le variazioni di temperatura, il parquet grezzo tende invece ad avere "torsioni" meno prevedibili e comunque più accentuate;

c) Per i prefiniti i migliori sono i supportati in betulle e abete, meno i supportati in pioppo (si consiglia il loro utilizzo limitatamente a impianti di riscaldamento "nuovi" a temperatura controllata e con distribuzione uniforme delle serpentine) , sconsigliati invece i supportati in MDF e HDF che come i laminati (supportati con lo steso materiale) hanno dilatazioni maggiori al variare della temperatura;

d) Se si ha un impianto di vecchia concezione (con serpentine concentrate in punti molto distanti fra nelle stanze e non a temperatura controllata) i suggerimenti di cui sopra diventano quesi obbligatori;



Per quanto riguarda il tipo di posa anche qui troviamo PRO e CONTRO da considerare:

Posa incollata: lascia passare meglio di quella "flottante" il calore che si trasmette per "contatto" attraverso la colla, la resa termica è quindi sicuramente migliore di una posa "flottante" a meno di usare per quest'ultima tappetini speciali ad alta "trasmittanza termica", se si decide di utilizzare la posa incollata consigliamo di utilizzare una colla Eco-compatibile dato che essa si troverà direttamente a contatto con i caloriferi e sarebbe bene essere sicuri che non vengano rilasciate sostanze nocive (formaldeide), questo vale soprattutto per impianti di vecchia concezione dove le temperature sono ben più alte di quelle utilizzate per impianti moderni;

Per una buona resa su pavimento riscaldato di una posa flottante è importante che venga utilizzato un tappetino ad alta "trasmittanza termica" e si escludano invece tappetini che blocchino il calore (primi tra tutti quelli in sughero), il vantaggio di una posa flottante è che si riduce al minimo il pericolo di emissione di sostanze nocive dato che non vengono utilizzati colle che siano a contatto con l'impianto di riscaldamento;

Si precisa che tutte le colle commercializzate in Unione Europea devono essere "a norma" per il rilascio di formaldeide, in commercio ne esistono con standard più o meno rigidi (fino alle colle Ecocompatibili ustae in Bioedilizia) ma ciò non toglie che spesso ne vengano utilizzate anche di "non certificate", in caso si decida per una posa incollata su pavimento riscaldato si consiglia pertanto di controllare per bene queste caratteristiche;



La fessurazione delle tavole

Il legno è un materiale "vivo" e come tale risente delle variazioni di temperatura (e umidità) degli ambienti in cui viene posato, questo significa che è perfettamente normale che vi siano movimenti orizzontali delle tavole e che si creino lievi microfessurazioni (pochi decimi di mm) nei periodi in cui è più caldo, fessurazioni che andranno poi a scomparire nei periodi in cui è più freddo e umido; Nella posa di un parquet tutto è eseguito, dal posatore competente, per permettere che queste "dilatazioni" e "restringimenti" possano avvenire in modo naturale, è per questo che nella posa vengono usate delle colle "elastiche" (bicomponenti) ed è per questo che è obbligatorio lasciare una certa distanza dal muro quando si posa il parquet, proprio per permettere al legno di avere questi movimenti. Per mascherare queste micro fessure può essere utile utilizzare dei parquet "bisellati" che si trovano soprattutto disponibili nei formati più grandi (da 1 mt di lunghezza in su) dato che è proprio per le tavole di grandi dimensioni che queste microfessure possono risultare più accentuate. Anche questo suggerimento è da tenere in considerazione soprattutto se la posa avviene su un impianto di vecchia concezione. lol!

http://www.architettobellucci.com

Admin
Admin

Messaggi : 99
Data d'iscrizione : 07.09.08
Località : Fossato di Vico. Fraz. Palazzolo. (06022) Prov. Perugia Italia

Vedere il profilo dell'utente http://www.bellucciarquitecto.galeon.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum