Veranda Ecologica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Veranda Ecologica

Messaggio  Admin il Lun Giu 16, 2014 11:24 am

Veranda ecologica premiata: otto Regioni non conteggiano la
volumetria delle serre solari
Una stanza in più, automaticamente autorizzata dal Comune e senza la necessità di versare
oneri concessori. Nelle norme urbanistiche regionali, e quindi anche nei regolamenti edilizi
comunali, stanno prendendo piede norme a favore delle cosiddette serre solari (o
bioclimatiche), cioè la possibilità di aggiungere uno spazio vetrato al pianterreno o sui terrazzi
senza che questa nuova cubatura sia conteggiata negli indici urbanistici. Insomma, gli stessi
vantaggi dei piani casa regionali, ma con spese più contenute e conseguibili anche nelle zone
che altrimenti sarebbero vietate.
Troppo bello per essere vero, si potrebbe sospettare. E non sempre a torto. Le agevolazioni
per le serre solari nascono per conseguire risparmi energetici rilevanti che non è sempre facile
ottenere, e con limiti che possono essere rigidi. Inoltre in molti Comuni a volte si va con i piedi
di piombo nell’ aprire la strada alle sun-room. Otto Regioni – Friuli Venezia Giulia, Lazio,
Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Umbria – prevedono norme in cui si dice che
le serre solari non vanno computate negli incrementi volumetrici, e che spesso assoggettano la
loro realizzazione a semplice Dia.
Trattandosi di disposizioni regionali, i Comuni dovrebbero recepirle nei propri regolamenti
edilizi. Tuttavia l’approccio delle Regioni non è affatto unitario, e alcune non entrano molto nei
dettagli. Per esempio la Lombardia che pone scarsi limiti: le serre e le logge debbono essere
addossate o conglobate nell’edificio, progettate in modo da integrarsi nell’organismo edilizio e
dimostrare, attraverso i necessari calcolo energetici, la propria funzione di riduzione di
consumi e di combustibile fossile per il riscaldamento invernale. Un simile discorso vale per le
Marche con la Legge n. 14/2008. Altre invece, pongono innanzi tutto limiti volumetrici: in Friuli
Venezia Giulia, Lazio e Puglia le dimensioni della serra non devono essere superiori al 15%
della superficie utile delle unità abitative, in Piemonte del 10%, in Umbria del 20%.
La Toscana detta, invece, un rapporto tra l’area vetrata della serra esposta a sud e l’area di
pavimento del locale da riscaldare tra 0,1 e 0,5: la superficie della serra cioè deve essere tra il
10% e il 50% di quella del locale adiacente da riscaldare.
In Umbria si precisa che metà della serra deve essere caratterizzata da superfici vetrate.
In Toscana si consente ai Comuni di stabilire altri rapporti: ad esempio tra la superficie del
pavimento della stanza e l’area vetrata complessiva, variabile da un minimo di 0,6 a un
massimo di 1,6.
Infine in Friuli Venezia Giulia e nel Lazio si impedisce di derogare in ogni caso alle distanze
minime previste dal Codice Civile, salvaguardando gli elementi costruttivi e decorativi di pregio
storico, artistico e architettonico, nonché gli allineamenti delle cortine di edifici urbani e rurali
di antica formazione.
Di fatto, però, le uniche due Regioni che tracciano requisiti tecnici dettagliati con delibera di
giunta sono Toscana e Piemonte. Altrove è lasciato ai Comuni, nei loro regolamenti edilizi,
stabilire i requisiti di dettaglio. Cosa che la maggior parte dei municipi non ha fatto, anche se
non mancano le eccezioni: per esempio Milano, Firenze, Pisa, Padova e Perugia tra i
capoluoghi, o Corrugate (Milano) tra i municipi più piccoli.
In tutti i casi è previsto che il locale serra, non abbia sistemi di riscaldamento o raffrescamento
autonomi, ma le filosofie variano radicalmente da località a località. Per esempio a Padova e
Firenze vige ancora una concezione molto rigida: il locale serra deve portare a risparmi
energetici radicali (il 25% in meno di consumi); non deve accrescere più del 10% la superficie
utile e deve essere del tutto trasparente. A Milano invece basta un risparmio energetico del
5% che si riduce al 3% in caso di unità immobiliari maggiori di 100 mq. A Perugia e Pisa la
superficie vetrata minima è del 70% e l’incremento volumetrico massimo concesso del 20%
Fonte: Il Sole 24 Ore del 08/02/2010
Architetto online sunny 
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 99
Data d'iscrizione : 07.09.08
Località : Fossato di Vico. Fraz. Palazzolo. (06022) Prov. Perugia Italia

Vedere il profilo dell'utente http://www.bellucciarquitecto.galeon.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum